• Home
  • Chimica
  • Astronomia
  • Energia
  • Natura
  • Biologia
  • Fisica
  • Elettronica
  •  science >> Scienza >  >> Altro
    Perché la legge sulla cannabis neozelandese deve impedire all'industria di influenzare la politica?

    Le compagnie di alcolici sono già in parte proprietarie della produzione di cannabis all'estero, e hanno le risorse per influenzare lo sviluppo delle politiche. Credito:www.shutterstock.com

    All'inizio di questo mese, il governo della Nuova Zelanda ha pubblicato un progetto di legge su come acquistare la cannabis, coltivato e venduto. È un primo assaggio di ciò su cui voteranno i neozelandesi nel referendum sulla cannabis del prossimo anno.

    Il ministro della Giustizia Andrew Little ha affermato che l'obiettivo principale del progetto di legge era ridurre l'uso generale e proteggere i giovani dall'accesso.

    Il disegno di legge propone un'età minima di acquisto e utilizzo di 20 anni e restrizioni alla commercializzazione e alla pubblicità dei prodotti a base di cannabis. Dice che i messaggi di minimizzazione del danno devono essere inclusi, consumo vietato nei luoghi pubblici e vendita limitata a negozi fisici appositamente autorizzati. La coltivazione e la catena di approvvigionamento sarebbero autorizzate e controllate dal governo.

    Va applaudito un chiaro orientamento alla salute pubblica, ma una volta che la cannabis sarà resa legale, Suggerisco che le possibilità di un maggiore utilizzo siano alte. Questo non è necessariamente un argomento contro la legalizzazione, ma abbiamo bisogno di pensare molto più chiaramente ai parametri del mercato legale della cannabis di quanto non sia ovvio nel dibattito attuale.

    Un mercato della cannabis in espansione

    Nonostante le affermazioni di alti livelli di utilizzo in Nuova Zelanda, i dati migliori suggeriscono che solo il 15% degli adulti ha usato cannabis nel 2018/19, rispetto all'80% che beve alcolici.

    Negli Stati Uniti, dove gli stati hanno legalizzato la cannabis medicinale e più recentemente l'uso ricreativo, c'è stato un aumento dei disturbi da uso di cannabis tra gli adulti, esposizione infantile prenatale e non intenzionale, l'uso negli adulti e le visite al pronto soccorso legate alla cannabis e gli incidenti mortali di veicoli.

    Dobbiamo aspettarci maggiori danni alla salute dalla cannabis legale e, se la legalizzazione deve andare avanti, il governo ha ragione a redigere una legge che ci protegga, e soprattutto i più vulnerabili. Ma potrebbe essere necessario andare oltre ciò che il governo sta attualmente pianificando.

    Il livello di danno dall'uso di cannabis dipende dalle quantità consumate, e ci sono molti fattori che guidano l'uso. Questi includono livelli di svantaggio, un senso di disperazione, storia familiare o crisi personali e familiari, ma uno dei driver importanti di un uso intensivo è il modo in cui i prodotti vengono forniti e commercializzati. Questo progetto di legge tenta di affrontare questo problema.

    Regolamentazione oltre il livello nazionale

    Il referendum sulla cannabis offre sia un'opportunità che un imperativo per mettere in discussione la risposta politica proposta. Il nostro consumo è oggi fortemente influenzato da grandi e potenti multinazionali, molti dei quali producono prodotti alcolici e saranno i produttori della cannabis che fumiamo, vaporizzare, mangiare e bere.

    Già le aziende di alcolici sono in parte proprietarie della produzione di cannabis all'estero. Le risorse e l'influenza che queste multinazionali dell'alcol esercitano nell'arena politica si indeboliscono e impediscono l'approvazione di una buona legislazione in tutto il mondo. Le multinazionali dell'alcol (aiutate dall'industria pubblicitaria) sono riuscite a combattere una regolamentazione significativa per controllare il loro marketing.

    Il progetto di legge sulla cannabis della Nuova Zelanda propone regolamenti sulla pubblicità simili a quelli della legislazione Smokefree. Questi regolamenti, rilevanti quando furono introdotti nel 1990, non includere alcun riferimento al marketing tramite piattaforme di social media, dove ora si svolge la maggior parte del marketing degli alcolici. Big data is used to target potential heavy drinkers and send messages the recipient they may not even recognize as marketing.

    Preventing industry influence on policy

    Despite some voluntary restrictions on social media platforms, cannabis is being marketed with the help of influencers.

    Cannabis corporates will work to weaken restrictions on marketing. Already in New Zealand, in response to the current proposals, Paul Manning, the chief executive of New Zealand cannabis producer Helius commented:"You could argue the ban on advertising is a bit tough given alcohol corporations are still allowed to advertise…"

    We should expect a push from corporates around the world to bring cannabis regulation (in all its aspects) into line with very weak controls on alcohol. Countries around the world are looking at cannabis regulation and will learn from each other as the research on the impact of legalization mounts. But the global corporations are already active and have resources to influence the policy processes.

    Tobacco control has benefited greatly from an international and legally binding treaty, the Framework Convention on Tobacco Control. This specifically excludes corporate influence from the policy process. As a signatory to this treaty, New Zealand agreed to prevent tobacco industry influence on policy. There is no recognition of a similar intention in the draft cannabis bill (or in alcohol legislation).

    Alcohol is the only drug not subject to an international health treaty and this is urgently needed.

    The UN conventions on illicit drugs are not relevant when cannabis is legalized.

    It is time to complement national policy on both alcohol and cannabis with a global framework that prevents industry influence on policy. This would help reduce harm by recognizing the conflict of interest in maximizing profits from selling addictive and intoxicating products.

    Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l'articolo originale.




    © Scienza http://it.scienceaq.com